Densità sostenibile specie capriolo e zone vocate

Pubblicato il 28 Giugno 2010 in Leggi/Regolamenti, News, Provincia Enrico Già letto 6.024 volte

In questi giorni sono in corso, in provincia di Siena, le discussioni relative alla modifica del Disciplinare sulla caccia di selezione a cervidi e bovidi.  Queste le indicazioni che sono state finora fornite ed in allegato i singoli file con le definizioni di zone vocate e non.

INDICAZIONI DI GESTIONE

  • Nelle aree vocate e mediamente vocate, si effettua la caccia di selezione nel periodo consentito dal calendario venatorio e i piani di abbattimento sono formulati per il raggiungimento della densità sostenibile sotto riportata.
  • All’interno delle aree mediamente vocate, ricadono le aree non vocate di norma coincidenti con gli appezzamenti di coltivi oggetto di danneggiamento. In presenza di danni alle produzioni agricole (vigneti, oliveti, ..) in queste aree si interviene ai sensi dell’art. 37 della LR 3/1194 in maniera puntiforme sulla coltura danneggiata, con abbattimento a vista dei capi presenti.

Tabella 1

SPECIE TIPO DI AREA DENSITA’ SOSTENIBILE
CAPRIOLO AREE VOCATE 5-7 capi/100 ettari
AREE MEDIAMENTE  VOCATE <5 capi /100 ettari
AREE NON VOCATE
DAINO AREE MEDIAMENTE  VOCATE <2 capi /100 ettari
AREE NON VOCATE
CERVO AREE MEDIAMENTE  VOCATE <2 capi /100 ettari
AREE NON VOCATE
CINGHIALE AREE MEDIAMENTE  VOCATE 1-3 capi /100 ettari
AREE NON VOCATE

Zone mediovocate capriolo ATC17

Zone mediovocate capriolo ATC18 EST

Zone mediovocate capriolo ATC18 OVEST

Zone mediovocate capriolo ATC19 NORD

Zone mediovocate capriolo ATC19 SUD

Zone mediovocate capriolo Provincia di Siena

Zone Olivi provincia di Siena

Zone Vigne provincia di Siena

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...