Verricello a motore

Pubblicato il 29 Novembre 2012 in DVA, Pubblicità Enrico Già letto 1.319 volte

Ahimè prima o poi tutti ci siamo passati, il giorno che manchi ad una battuta, per motivi strettamente personali o di salute, sia essa di caccia alla migratoria, alla stanziale, agli ungulati o agli acquatici…. quella si rivelerà  la più bella dell’anno per la compagnia che normalmente frequenti.

E quando mi è stato chiesto di partecipare al pranzo di compleanno di mia cognata, accettando, sapevo già quello che stavo perdendo.

Ma sappiamo anche la caccia è una passione, un hobby, una malattia…. che in qualche modo viene dopo la vita privata ed il lavoro. ( …vero?? ) E pertanto mentre assaporavo delle belle rostegge di maiale e una bella salsiccia, non mi curavo degli sms di Giordano che mi aggiornava in tempo reale delle performance della nostra squadra di cinghialai. “ho appena preso il quarto bestione” … “il babbo ne ha fatti fuori due” …. “Andrea ha fermato un verre di 100 kg” …..Bastard Inside!

Finito in fretta il pranzo decido di indossare gli abiti “domenicali”, quelli mimetici ovviamente, e di dirigermi presso la casa di caccia dove, in compagnia di qualche postaiolo già di ritorno, attendevo le poste che avevano colpito ed i pickup carichi di setoloni neri.

Il pranzo era stato ricco di colesterolo, e meritava un aiuto alla metabolizzazione. Pertanto decisi di caricare il verricello DVA VA-459 e andare in soccorso degli amici che dovevano recuperare gli animali caduti nei fossi più impervi. Purtroppo l’estrema facilità di utilizzo, la leggerezza dell’apparecchio e la lunga corda in dotazione hanno permesso di recuperare tre animali in poco più di mezzora e alla fine i grassi accumulati poco prima si sono piazzati molto probabilmente nelle mie bellissime maniglie dell’amore!

Sarò anche un pochino più grasso oggi, ma sicuramente il mezzo che abbiamo a disposizione è indispensabile per ogni amante di questa splendida forma di caccia!

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...