Cinghiali, piano shock degli agricoltori: “Altro che cacciatori, contro i cinghiali serve l’esercito”

settembre 4, 2015 in Agricoltura, Contenimento Danni

CinghialeServe l’intervento dell’Esercito contro l’invasione della selvatica che sta procurando ingenti danni nelle campagne ma anche nelle strade e nei centri abitati di quasi tutte le regioni italiane, con evidenti problemi di sicurezza. A chiederlo è il presidente nazionale della Cia-Confederazione italiana agricoltori, Dino Scanavino, nel denunciare che la situazione è ormai fuori controllo e non governata. Gli agricoltori per proteggere i vigneti dagli attacchi degli ungulati – osserva la Cia – costruiscono reticolati con tondini di ferro, che alle volte neanche bastano. Ma soprattutto, non passa un giorno che non si registri uno o più incidenti stradali per gli attraversamenti incontrollati degli animali salvatici.
”Sono anni che denunciamo questo fenomeno che evidentemente è stato sottovalutato dalle Istituzioni – precisa Scanavino – e aldilà di tutti i piani e le azioni che verranno pianificate con il tempo, ora c’è bisogno di un intervento statale immediato”. Il presidente specifica anche che le esigenze degli agricoltori e dei cittadini non sono quelle del mondo venatorio Leggi il resto di questa voce →

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

La CCT per le elezioni regionali del 31 maggio

maggio 29, 2015 in ANUU, Arcicaccia, Comunicati, FIDC, Regione

“da forze politiche e candidati posizioni chiare ed impegni puntuali e conseguenti”

logo cctLa IX legislatura della Regione Toscana si chiude con alcuni fatti importanti per la caccia e la gestione faunistica ed ambientale, risultati che configurano un bilancio complessivamente positivo anche se permangono limiti e temi non risolti, in parte per via di un quadro normativo nazionale ormai vecchio di oltre vent’anni ed evidentemente inadeguato per dare risposte ai grandi cambiamenti che si sono verificati, in parte per le contraddizioni e le incertezze del legislatore e del governo regionale, non sempre coerenti nella emanazione e nell’applicazione delle disposizioni.

Di indubbia rilevanza e pregio (non solo per la caccia e non solo per gli effetti immediati e concreti, ma anche per il significato politico e culturale generale) le scelte compiute per garantire la certezza di risorse per la gestione faunistica, senza aggravio Leggi il resto di questa voce →

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Considerazioni di ANLC sull’art 37 a Siena

aprile 10, 2015 in ANLC

anlcDa una puntuale analisi circa l’applicazione dell’art.37 della L.R. 3/94 (quello che, per intendersi, disciplina gli interventi di contenimento dei predatori e delle specie problematiche) nelle diverse Province della Toscana, emergono differenze di varia natura. Tutte le Province toscane consentono però, sia pure con diverse modalità e condizioni, il controllo dei Corvidi, della volpe e del cinghiale, c’è solo un’eccezione: SIENA.

La Provincia di Siena, che pure era stata in Toscana la prima ad impiegare le trappole Larsen nel controllo della gazza e della cornacchia grigia e l’abbattimento della volpe in orario notturno, da autoveicolo con l’ausilio del faro o da appostamento con l’impiego di esche, oggi paradossalmente è l’unica Provincia toscana a trovarsi nelle condizioni di non potere in alcun modo controllare la presenza di questi predatori all’interno degli Istituti pubblici Leggi il resto di questa voce →

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Siena: mondo agricolo e venatorio difendono la gestione

aprile 24, 2013 in Agricoltura, ANLC, Arcicaccia, CIA, Coldiretti, FIDC

Unità d’intenti e di vedute tra le associazioni agricole e quelle venatorie: Cia, Coldiretti e Confagricoltura assieme a Federcaccia, Arcicaccia, Liberacaccia e Urca hanno siglato e recapitato all’Assessore provinciale un documento che stigmatizza i recenti ripetuti attacchi al modello di gestione della fauna messo a punto a Siena.

trattore“L’esigenza e la domanda reale – si legge nel testo – è di rafforzare gli strumenti ed i programmi della gestione faunistica, non certo di indebolire un modello che ha prodotto esperienze e risultati all’avanguardia pur fra le mille difficoltà di un quadro normativo generale insufficiente e di una situazione territoriale ricca, oltre che di risorse, di grandi complessità”.
Il riferimento è alla difficoltà nel mantenere l’equilibrio tra le Leggi il resto di questa voce →

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Fauna selvatica fuori controllo nel Senese. Se ne parla a ”Speciale Primo Piano”

aprile 10, 2013 in Agricoltura, Atc 17

Fauna selvatica fuori controllo in provincia di Siena. Cinghiali, daini e caprioli arrecano sempre più danni all’agricoltura e anche la Val di Merse ne fa le spese.
CinghialeSecondo Upa – Unione Provinciale Agricoltori di Siena, questa zona è una delle poche pianure presenti nel senese e vi scorre il fiume Merse, attraverso il quale, anche d’estate, è possibile irrigare i campi circostanti per produrre cereali, soprattutto il mais. Di cui gli ungulati ne sono estremamente ghiotti. Utilizzato anche per alimentare una locale moderna ed efficiente centrale di biogas che porta lavoro ed investimenti nel territorio.
Il mondo agricolo della Val di Merse si confronta, tra molte difficoltà, ma anche tra impegno è innovazione che ne fanno una zona del senese Leggi il resto di questa voce →

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Agricoltori senesi esasperati dal sovrannumero di animali selvatici

aprile 10, 2013 in Agricoltura, Contenimento Danni

granturco“L’agricoltura senese sta pagando un prezzo enorme per un’emergenza che, per ora, è difficile risolvere: il sovrannumero degli animali selvatici. Gli agricoltori sono esasperati e stanchi per i danni causati dal flagello di questi animali, in primis cinghiali e caprioli, che stanno devastando letteralmente le coltivazioni, dai campi seminati ai vigneti, dagli alberi da frutto agli Leggi il resto di questa voce →

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...

Allarme ungulati in Toscana, aumento del 20 per cento. Situazione ormai fuori controllo

marzo 7, 2013 in Agricoltura, CIA

350 mila capi, divisi a metà tra cinghiali e caprioli, più alcune migliaia tra daini, cervi e mufloni. Queste sono le nuove stime -che allarmano la Cia Toscana e l’agricoltura regionale- sulla presenza degli ungulati in Toscana, presentate nel corso di un convegno sulla gestione faunistica organizzato a Firenze dall’Accademia dei Georgofili.“Sono dati impressionanti -commenta Marco Failoni Leggi il resto di questa voce →

GD Star Rating
loading...
GD Star Rating
loading...